giovedì 27 aprile 2017

Wayward Pines - Blake Crouch

Se state pensando di leggere questa trilogia vi consiglio di prendervi subito tutti e tre i volumi! :) La storia é avvincente, con molta tensione e colpi di scena! Non voglio raccontarvi molto per non rovinarvi lo charm della storia.

L'autore, Blake Crouch, ha saputo mischiare in modo eccellente l'horror, il thriller dalla crescente tensione e la science fiction. La serie tv si basa sul primo libro anche se per alcune cose (soprattutto per i personaggi) si sono discostati dalla storia. A me sinceramente sono piaciuti sia la serie che i libri. Anche se in quest'ultimi la brutalità e la violenza sono molto più forti che nella serie e mi hanno impressionato molto. Alcuni dei personaggi sono di una cattiveria che non mi so spiegare e li ho trovati per questo poco realistici. In altri era più chiaro il perché del loro modo di pensare e di agire.


I libri sono molto scorrevoli e divisi in capitoli abbastanza corti che permettono di vedere l'intera storia vissuta da più punti di vista.



Crouch è un fan di Twin Peaks  e ha cercato di rendere omaggio alla serie con questa sua trilogia. In entrambi i casi ci troviamo in una città piena di misteri e di personaggi caratteristici.

domenica 15 gennaio 2017

{Recensione} Cronaca di una morte annunciata - Gabriel Garcia Márquez

La storia è molto semplice: Santiago Nasar deve morire e lo sa tutto il paese. Questo si divide tra coloro che evitano di agire, perchè confidano sull'azione altrui e coloro che, pur facendo del loro meglio per cambiare le cose, vengono irrimediabilmente ostacolati dal fato: l'inevitabilità del destino sembra essere una cappa prepotente che aleggia su Manaure.

Ho avuto difficoltá a portare avanti questa lettura. Anche se si tratta di un romanzetto l'ho trovato molto poco scorrevole e poco coinvolgente.

Nel primo capitolo si parla della morte di Santiago e nei seguenti quattro si riavvolge la matassa per ricostruire in maniera dettagliata la serie di eventi che l'hanno provocata, soffermandosi talvolta su un quadretto particolare di vita o sul passato di un personaggio rilevante.

Una storia molto breve, un po' strana, ma con immagini estremamente forti. A me verso fine libro é venuto male a leggere il dettagliato omicidio di Santiago. 

Ho altri due libri di Marquéz che vorrei leggere volentieri. Speriamo siano meno cruenti!

Se avete letto anche voi questo libro, fatemi sapere nei commenti qui sotto come lo avete trovato!

A presto,
Beatrice


sabato 14 gennaio 2017

Le Solitarie - Ada Negri

Si tratta di una raccolta di racconti che hanno come tema la condizione femminile tra fine Ottocento e inizio Novecento descritta dall’autrice attraverso memorabili ritratti di donne, raccontati con poeticità e vigore. 

Confessioni
Rimorso: che triste! La donna protagonista non riesce a perdonarsi. Sacrifica la sua saluta mentale e fisica pur di non ferire i suoi cari. 
In una città straniera, sotto il denso frascame odoroso del chiosco d'un giardino d'albergo, mentre un'inquieta notte d'estate nascondeva le sue stelle dietro veli ondeggianti di nuvole, io ebbi da una donna una confessione terribile.
Timida e quasi paurosa grazia di movimenti, ella evocava in me l'immagine di quelle lettere d'amore delle quali il tempo ha reso pallido l'inchiostro e pressoché illeggibili i caratteri. Sono spente; ma qualcosa sopravvive in esse: il profumo, il mistero d'una storia vissuta.
Gelosia: sono rimasta di stucco alla reazione di lui quando lei confessa del tradimento. Un racconto di una veritá annientante.

L'Assoluto: questo racconto é bellissimo ma anche molto difficile.

Clara Walser:
Udite, che vento? È la tormenta del nord: avremo la neve, a Natale, L'amate, voi, la festa di Natale? No? Vi capisco. Non siete ancora liberata. Io l'amo ormai non piú per me, ma per gli altri. Ed è cosí che bisogna amarla. La passerò quest'anno a Eriswil, un piccolo villaggio del cantone di Berna, che ora s'è già tutto incappucciato nel suo mantello di neve.
Non sapevo nulla di lei; eppure sapevo tutto. Per lo spazio breve e infinito di qualche ora, un'anima mi si era denudata dinanzi, lasciando in ombra il suo dolore per non mostrarmi che la sua vittoria.
Storia di una taciturna: una storia bellissima che ha saputo addirittura commuovermi.

Il Denaro
La solitudine si animava per lei d'immagini, di figurazioni vivissime: era piú vibrante, piú parlante
d'una folla. 
Tutto era vita. Anche la morte. Nulla era occulto. La materia era trasparente.
E quelle pagine che scriveva, febbrilmente, la notte, mentre gli spiriti del giardino entravano dal balcone per tenerle compagnia, nessuno le avrebbe vedute. E il sole avrebbe continuato a splendere e l'erba a spuntare e le stelle a fiorire nel cielo e i fiori a costellare le aiuole e l'infinita varietà degli attimi cosmici a svolgersi nello spazio e nel tempo...
Tale era la passione, che alcune volte, in una stretta folle, avevano creduto di entrar nella morte, come in una seconda esistenza di felicità senza fine.